Infilarsi le scarpe con consapevolezza

da Grazia Cacciola
ballerina si infila le scarpe

Prima di giudicare, leggi fino in fondo. Ti sorprenderai. Nella nostra vita c’è davvero un rituale ignorato: infilarsi le scarpe con consapevolezza.

In una società sempre più frenetica, dove il ritmo accelerato della vita quotidiana sembra dominare ogni aspetto, c’è un atto apparentemente banale che spesso trascuriamo: infilarsi le scarpe.
Questo gesto automatico, quasi scontato, può diventare un’opportunità per abbracciare la consapevolezza e l’arte della mindfulness.

In questo articolo, esploreremo l’importanza di dedicare attenzione a questo rituale quotidiano e forniremo un esercizio pratico di mindfulness per trasformare l’atto di infilarsi le scarpe in un momento di calma e consapevolezza.

Il significato nascosto di un gesto ordinario

Le nostre vite sono spesso dominate da una serie di compiti automatici, e infilarsi le scarpe è uno di questi. Tuttavia, quando esaminiamo più da vicino questo gesto, scopriamo un universo di sensazioni e connessioni spesso trascurate. Le scarpe sono il nostro contatto con la terra, il ponte tra noi e il mondo esterno. Infilare le scarpe può essere più di un’azione meccanica; può diventare un momento per riflettere sul nostro viaggio quotidiano e sulle fondamenta su cui poggiamo ogni passo.

La ricerca di consapevolezza nella routine quotidiana

La mindfulness, o consapevolezza, è una pratica che ci invita a essere pienamente presenti nel momento attuale. In un mondo che spinge costantemente verso il futuro, la mindfulness offre un rifugio, una pausa per apprezzare il qui e ora. Infilarsi le scarpe può diventare uno spazio in cui coltivare questa consapevolezza. Troppo spesso, affrontiamo le azioni quotidiane in modo automatico, perdendo l’opportunità di sperimentare pienamente il nostro rapporto con il mondo circostante.

Esercizio di mindfulness: infilarsi le scarpe con consapevolezza

  1. Preparazione: Trova un luogo tranquillo, libero da distrazioni, dove puoi sederti comodamente. Posiziona le scarpe di fronte a te in modo ordinato.
  2. Respira Profondamente: Inizia con alcune respirazioni profonde per centrare la tua attenzione. Senti l’aria che entra e esce, connettendoti al tuo respiro.
  3. Osserva le Scarpe: Fissa lo sguardo sulle tue scarpe. Nota la forma, il colore, la consistenza. Osserva ogni dettaglio senza giudizio.
  4. Sensazioni Tattili: Con le mani, esplora la consistenza delle scarpe. Senti la superficie, la temperatura. Riconosci ogni sensazione tattile con attenzione.
  5. Connettiti al Viaggio: Rifletti sulle tappe del tuo giorno. Dove ti porteranno le tue scarpe oggi? Abbraccia la consapevolezza del tuo cammino.
  6. Infilati le Scarpe con Consapevolezza: Quando sei pronto, inizia ad infilarti le scarpe lentamente e con attenzione. Senti la sensazione del piede che trova il suo posto all’interno della scarpa. Nota il contatto con il suolo.
  7. Cammina con Consapevolezza: Una volta che hai infilato le scarpe, alzati e cammina lentamente. Senti ogni passo, consapevole della connessione tra il tuo corpo, le scarpe e il terreno su cui cammini.

Questo esercizio di mindfulness trasforma un gesto quotidiano in un rituale consapevole, arricchendo la tua esperienza quotidiana e aprendo la porta a una connessione più profonda con il mondo che ti circonda.

La bellezza nel quotidiano infilarsi le scarpe

In un mondo che spesso sembra spingere contro la calma e la riflessione, trovare la bellezza nelle azioni quotidiane è un atto rivoluzionario. Infilarsi le scarpe diventa così un rituale attraverso il quale possiamo coltivare la mindfulness e apprezzare la ricchezza di ogni singolo passo nel nostro viaggio. Consentiamoci di rallentare, di connetterci e di infilare le scarpe con consapevolezza, poiché spesso sono i gesti più semplici che ci offrono i tesori più grandi.

Perché questo articolo

Oggi mi è capitato di rivolgermi a una persona dicendole “Ormai c’è un coach per tutto, non ci si può neanche più mettere le scarpe senza aver fatto un corso sull’infilatura consapevole della scarpa!”.
Così sono partita per scrivere un articolo ironico sulla questione. A metà della stesura, mi sono resa conto di due cose. Una che sapevo già: la consapevolezza è in tutto ciò che si fa e si vede, ognuno scelga la propria. La questione è molto semplice, farci sopra dei corsi mi sembra una complicazione inutile – ed è tutto tempo di vita vera che se ne va.
La seconda è che, in effetti, a voler ben vedere, ci dovrebbe essere molta consapevolezza nell’infilarsi le scarpe prima di uscire.

Quindi niente, per questa volta è andata così: da una risata è venuta fuori una riflessione carina. Continuo a essere allergica ai guru, quelli che elevano a scienza un paio di banalità quotidiane, quelli che devono mettere un significato in ogni minima cosa, quelli che prevedono il futuro come se nascessimo con in fronte il barcode di una storia già scritta, quelli che dicono ‘mindfulness’ ogni due minuti – perché onestamente sta mindfulness ha fatto il suo tempo, ebbasta! Non sono più belli gli italiani ‘consapevolezza’, ‘centratura’, ‘concentrazione‘?

In ogni caso, da domani… buona infilatura scarpe!

____
Foto credit: Astrid Schaffner su Unsplash

Ti potrebbe interessare anche:

6 Commenti

Martina Gennaio 25, 2024 - 10:16 am

APPLAUSO per “la consapevolezza è in tutto ciò che si fa e si vede, ognuno scelga la propria. La questione è molto semplice, farci sopra dei corsi mi sembra una complicazione inutile – ed è tutto tempo di vita vera che se ne va.” 👏👏👏👏👏👏👏
Grazie per la riflessione e grazie perché finalmente trovo qualcuno che la pensa come me! In ogni caso, stamattina mi sono infilata le scarpe con più consapevolezza 😅

Reply
Grazia Cacciola Gennaio 26, 2024 - 5:11 pm

Grazie cara Martina! Ritrovarsi tra simili fa bene al cuore!!! Penso che servirà allora un esercizio anche sull’allacciare le stringhe, cosa dici? 😅

Reply
daniela Gennaio 25, 2024 - 11:09 am

grazia, come sempre riesci a parlare di argomenti forse anche troppo “abusati” mettendoli in una luce nuova, semplice ma profonda, seria ma leggera…ho adorato questo post

Reply
Grazia Cacciola Gennaio 26, 2024 - 5:12 pm

Mia cara Daniela, la leggerezza ci è necessaria! Qui, per vender due corsi, ci fanno diventare serio e impegnativo ogni singolo minuto… meglio riderci sopra! Un abbraccione!

Reply
GIULIA LOMBARDO Gennaio 25, 2024 - 5:01 pm

Effettivamente uno non ci pensa che molti gesti che facciamo in automatico, possono avere un senso. Non so perchè leggendo il tuo post mi sono ricordata di uno dei disastrosi appuntamenti e ad una certa lui diceva che eravamo troppo diversi e credo di aver tirato fuori una frase letta su un Harmony (ho avuto la fase in cui leggevo solo quest i:P)dicedogli “credo che anche tu infili prima i calzini delle scarpe” e potrei continuare….Magari non c’entra nulla ma il post mi ha fatto sorridere!!!

Reply
Grazia Cacciola Gennaio 26, 2024 - 5:18 pm

Cara Giulia, hai fatto benissimo! Comunque dietro gli Harmony un tempo si nascondevano scrittori di un certo livello che dovevano guadagnare per vivere, ce ne sono di ottimi. Una collana Harmony, in Italia, la dirige addirittura Lidia Ravera… quindi non li denigrerei proprio! (Al contrario della vera spazzatura diventata bestseller giusto solo per un ottimo marketing, tipo Sveva Casati Modignani ).
Buone infilature di scarpe! (e poi chissà, lui magari non usava i calzini o amava camminare scalzo)

Reply

Lascia un commento