Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/customer/www/erbaviola.com/public_html/wp-content/plugins/penci-soledad-amp/includes/utils/class-amp-html-utils.php on line 11
> Ribollita toscana vegan in quarantena (con ricetta) | Erbaviola

Related posts

Come gestire autoproduzione e lavoro

La Casota Vegan, la scelta d’amore di Titti e Seb

Perché ho scelto di vivere in una casa piccola

16 Commenti

Michela Giugno 22, 2020 - 8:34 pm
Cara Grazia, ho controllato varie volte la tua pagina Fb sperando di poterti leggere. Io ho passato giornate scioccata nel comprendere che tanti contatti, anche virtuali, ritenuti intelligenti e posati sono invece dei reazionari populisti in cerca di nuovi "Salvatori" a cui affidarsi nonostante il passato del nostro Paese. Sono rimasta scioccata nel leggere varie personalità del cosiddetto mondo "veg" aderire alle teorie più assurde e rilanciare articoli dai peggio blog o canali YouTube, gridando agli altri di "svegliarsi". Loro sanno tutto. Loro hanno capito tutto. Da un video e qualche articolo online presi da siti accreditati "www.nessunotelodice.com" o "www.tucheseisvegliosvelicomplottidaldivano". Purtroppo, ho avuto la conferma di ciò che avevo captato frequentando un certo ambiente in cui l'esaltazione e il bisogno di confermare i propri bias fanno da padrone e superano il desiderio di comprendere o mettersi in discussione. Tutto ridotto a tifo da stadio. Insomma, sei mancata. Tanto.
GRAZIA CACCIOLA Luglio 16, 2020 - 9:16 am
Cara Michela, grazie! Scusa anzi se rispondo così tardi ma l'ondata di lavoro e vita da trasloco mi ha seguita fin qui. Io credo che tutte queste persone che si sono date da fare per divulgare notizie infondate appartengano a due gruppi: quello dei paurosi per cui è più facile pensare che sia tutto un grande complotto e il virus non esiste (che così resterebbero al riparo dalla realtà in cui la tua vita ha più possibilità di prima di essere completamente stravolta o anche finita) e i narcisisti che hanno colto l'occasione per mettersi in mostra. Chiaramente sei più visibile con roboanti notizie di complotto. La paura vale per entrambi, comunque: non si metteranno mai in discussione. Teniamogli la porta aperta dovessero cambiare, ma inutile fare altro. Un grande abbraccio!
Vale Giugno 23, 2020 - 12:04 am
Ti abbraccio forte!
GRAZIA CACCIOLA Luglio 16, 2020 - 9:16 am
anche io!
E Giugno 23, 2020 - 7:39 am
Il piacere di leggerti è sempre grandissimo, un abbraccio!
GRAZIA CACCIOLA Luglio 16, 2020 - 9:16 am
Grazie! Un grande abbraccio anche a te!
cristina Giugno 23, 2020 - 11:53 am
eehhh la ricetta della ribollita è stata il tocco da maestro ...l'avevo già vista su IG ...ma niente, purtroppo non sono riuscita a trovare il cavolo nero e mi è rimasta la voglia. Concordo su tutto quello che hai scritto. Io sono una di quelle che sperava che il post quarantena ci avrebbe trovato migliori , credo fortemente che il consumo di animali e derivati sia una delle principali cause di malattia ed inquinamento e mi auspicavo in una riflessione generale, ma niente: continuo a vedere su facebook foto di carne alla griglia e immagino che la relazione tra carne e malattie non sia stata ben recepita. Se ti può consolare anche io mi sono ritrovata con la coop (per me IL MALE) come unico punto spesa del paesino dove abito. Per fortuna che avevo scorte di legumi secchi in casa, un sacco grande di farina e le mie amate spezie con le quali ho coperto ben bene il sapore di cartone e plastica che ricopre tutto quello che è in vendita al supermercato. la mia famiglia è composta solo da quattro persone e noi siamo stati bene, anche i miei amici non hanno avuto niente. Sono molto grata per questo, perchè la salute è la cosa più importante. Ho usato questo periodo per fare un po' di pulizia, non con il metodo kondomari (o come caspita si chiama!!), non ho messo in fila le magliette ma le mie idee ed i miei pensieri ed in generale mi sento migliorata. Quello che mi rende più orgogliosa è che da settembre comincerò la scuola per diventare maestra di yoga e non vedo l'ora. Ci pensavo da anni ma non avevo il coraggio di propormi perchè mi consideravo troppo avanti con l'età ... ma poi ho pensato che per ogni maestra di yoga ci sono "allievi" adatti e niente, lo voglio fare e lo farò! Per ultimo: a me questa quarantena è anche servita per pulire i miei profili social: francamente non riuscivo a credere di aver dato l'amicizia a così tanti def*****enti!!!!!!! Cristina (quella dell'ombrello nel termosifone - a proposito di def***enti!).
GRAZIA CACCIOLA Luglio 16, 2020 - 9:21 am
Io ti sarò grata sempre per l'ombrello e il termosifone... ho riso di gusto e continuo a ridere ancora quando ci ripenso! Quindi ancora grazie! Sono felice della tua decisione di intraprendere la scuola per maestri di yoga, è una bellissima risposta a tutto il tuo essere, chiude un cerchio e ci include tutto quello che ami. Meglio di così... e poi io per l'età cito sempre Vanda Scaravelli che fino a 47 anni non aveva mai praticato yoga! Tra l'altro, visto l'andamento demografico in Italia, ci sarà più bisogno di insegnanti yoga per gli over 40! Un grandissimo abbraccio!
claudiag Giugno 24, 2020 - 11:14 am
Ci sei molto mancata in questo periodo così pieno di discorsi assurdi e persone stupide. Sono molto d'accordo con quello che scrivi, dunque un sconsolata....grazie della ricetta della ribollita, che pur essendo toscana, avevo in una versione un po' confusa.
GRAZIA CACCIOLA Luglio 16, 2020 - 9:25 am
Cara Claudia, credo che ogni famiglia toscana abbia la sua ricetta della ribollita... una diversità meravigliosa! Questa è della nonna aretina di un'amica. Un'altra amica senese, vedendola mi ha subito detto "un c'è dentro nulla!", perché loro ci mettono più verdure e anche pomodori e passata. Credo però che sia un aggiornamento recente visto che i pomodori in inverno li abbiamo solo da una cinquantina di anni. In ogni caso... felicemente ritrovate e felicemente ribollite! Un abbraccio!
barbara Giugno 24, 2020 - 11:31 am
Cara Grazia, mi conosci e sai che non nutro nessuna fiducia nel genere umano. Quello che abbiamo letto e sentito in questi mesi, mentre c'era gente che lottava tra la vita e la morte, rappresenta per me la prova del nove. Mi sarebbe piaciuto vedere tutti questi personaggi alle prese con la malattia, ricoverati in isolamento in un reparto Covid. Ho letto e sentito gli improperi di tanti piccoli imprenditori del tempo libero che hanno sbraitato per l'ingiustizia di chiusura e misure restrittive. Ma cari signori, con tutto il rispetto per i vostri bar, ristoranti, sale cinema e palestre, cosa volete che ce ne importi dei passatempi che offrite, di fronte alla prospettiva che un sorso di birra bevuto in compagnia avrebbe potuto far ammalare i miei cari? E' la visione da un'altra prospettiva, quella che ci manca. Oltre a una buona dose di coscienza civica. Il telelavoro... Noi fortunati che svolgiamo un lavoro nell'IT, abbiamo potuto gioire del fatto che il lavoro per noi è continuato nonostante tutto. Tralasciando il fatto che non eravamo attrezzati e io ho dovuto fornire personalmente, oltre a energia elettrica, gas acqua e rete, anche pc monitor mouse e telefono, in molti hanno perso il senso della misura lavorando h24 e a volte esigendo che ci trasformassimo tutti in robot a disposizione infinita dell'azienda o del cliente. Se mai decollerà il telelavoro, dovrà essere pesantemente normato per evitare un ulteriore vantaggio a favore dei committenti e a carico di chi svolge il lavoro. Per il resto, l'autoproduzione durante il lockdown ha escluso in casa nostra prodotti a base di farine e lievito (abbiamo fatto la pizza solo una volta dal 9 marzo), piuttosto ho ricominciato a preparare i germogli, e tante altre cose che per mancanza di tempo avevo lasciato andare. Per l'orto sul balcone, dovrò arrendermi all'evidenza che un'esposizione a Ovest non fa per gli ortaggi. Però mi sta crescendo una bella pianta di zenzero, incrociamo le dita. Grazie per la ricetta della ribollita, proverò a farla appena trovo uno spacciatore di pane toscano. Alle brutte, stavolta mi metto a impastare :)
GRAZIA CACCIOLA Luglio 16, 2020 - 9:33 am
Cara Barbara, mi sa davvero che ti tocca impastare, ormai il pane toscano integrale, quello antico, è difficile da trovare anche in Toscana!!! Per il balcone esposto a ovest, invece, secondo me potrebbero venire bene tutte le radici (ravanelli, carote, patate ecc) e le insalatine da taglio a ciclo breve tipo lattughino, cicorini, misticanze varie, rucola ecc. Quelle che invece con troppo sole seccano subito. Lascerei perdere le solanacee che hanno bisogno un'esposizione di molte ore di sole. Per il telelavoro... ho visto cose! Da statali dotati di portatili dell'anteguerra, a statali che accedono da casa ai dati sensibili degli utenti partecipandone l'intera famiglia, a dipendenti di aziende private che godevano di un sanissimo e sacrosanto distacco dai servizi di rete nelle poche ore a casa che hanno dovuto attivare a loro spese contratti per internet e telefonia che gli permettessero di lavorare da casa. Sicuramente questa parte per le aziende è stato un bel guadagno. Buona ribollita, se la fai fammi sapere! Un abbraccio!
mrm Luglio 2, 2020 - 1:26 pm
lavarsi le mani ed avere certe accortezze è un'esagerazione, eheheh.... (io personalmente manco ci entro nei bagni pubblici, piuttosto esplodo). e quelli che ti guardano male se chiedi di togliersi le scarpe prima di entrare in casa tua?
GRAZIA CACCIOLA Luglio 16, 2020 - 9:37 am
Questi ultimi li ignoro. Casa mia, mie regole. Con l'educazione fondamentale di avvisare prima dell'arrivo: noi non utilizziamo le scarpe in casa, quindi te le farò togliere all'ingresso e se vuoi ho delle stupende ciabattine pulite e sanificate che tengo apposta per gli ospiti e lavo a ogni utilizzo. A volte, raramente, mi dimentico di avvisare dei nuovi conoscenti e allora evito di chiedere di togliere le scarpe... mi piego a ripulire tutto quando vanno via. Sogno una casa con ingresso giapponese in cui tutti si tolgono le scarpe senza chiederglielo! Un abbraccione!
Gaia Colli Luglio 29, 2020 - 9:20 am
Grazia, lo sto amando il tuo libro. Mi sta dando una spinta che avevo bisogno, non riesco a staccarmi! La mia compagna ieri sera mi ha detto che era dai tempi di Harry Potter che non mi vedeva così incollata a un libro, Torno a leggere ma tornerò a scriverti, sono al capitolo 5 e questa settimana di ferie non poteva andare meglio, mi spiace solo che a questa velocità lo finirò entro domani! Dimmi che ne stai scrivendo un altro!!!
Grazia Cacciola Ottobre 8, 2023 - 4:44 pm
Cara Gaia! Vedo solo oggi questo tuo commento... per fortuna che nel frattempo ci siamo sentite via email! Un grande abbraccio e grazie di cuore per le tue parole.
Add Comment