Related posts

Perché io non ho una friggitrice ad aria

Cosa fare prima di dipingere la cucina

Come comprare una cucina economica usata

11 Commenti

Emanuela Gennaio 13, 2018 - 5:27 am
Ciao Grazia....sono strafelice del fatto di poter partecipate a questo progetto del tuo prossimo libro,non vedo l'ora di leggerlo tutto d'un fiato come tutti gli altri tuoi libri. Per me,sei il mio faro del cambiamento(anche se io,sono lenta sul farlo,ma ce la farò)....anch'io sono una di quelle persone nella fare di voler cambiare,ma non so da dove partire,vorrei partecipare al tuo corso,ma non so se posso perché ho seri problemi sul lavoro(degli altri oltretutto),ma se ci sarà l'opportunità per pochi intimi,come passa il momento difficile,ti contatto,perché voglio questo cambiamento,sono ben 4 anni che cerco il modo per cambiare la mia vita ed il mio punto di partenza,è stato proprio il tuo libro"Scappo dalla città ".....Comunque,sappi che ti stimo veramente tanto e ti auguro una pronta guarigione ❤ Emanuela.
Grazia Cacciola Febbraio 2, 2018 - 3:46 pm
Cara Emanuela, grazie di cuore per il tuo sostegno e per il messaggio. L'ho letto durante l'influenza, come gli altri, poi appena guarita sono stata travolta dagli impegni di lavoro e corsi... riesco a rispondere solo ora! Ma con una grande gioia di sentire che nel cambiamento ti stai prendendo i tuoi tempi. Sono i cambiamenti più veri e duraturi a cominciare così! Ho visto che la presenza in aula è problematica anche per altri, anche solo per la questione della distanza, e sto valutando se estendere il counseling personale online a una formula più accessibile. Lavori in corso e piccolo spoiler... quindi restiamo in contatto! ^_^ Intanto ti mando un grande abbraccio!
manuela Gennaio 19, 2018 - 11:17 am
Per vari motivi non ho partecipato al corso a Milano dello scorso anno ma questa volta voglio proprio esserci per capire se il cambiamento fa davvero per me, nel frattempo ho partecipato al progetto del libro. Leggo sempre con molto piacere il tuo blog. Grazie
Grazia Cacciola Febbraio 2, 2018 - 3:42 pm
Cara Manuela, Grazie per il sostegno al progetto e intanto ti mando un grande abbraccio! Sono felice di sentire che ci sarai a Milano, spero che dal corso escano grandi cose come da quelli precedenti!
cri Febbraio 2, 2018 - 2:53 pm
Ciao Grazia! Ho scoperto solo adesso il tuo bellissimo blog; volevo partecipare anche io al progetto del libro ma ahimè .... credo di essere arrivata in ritardo. Ho provato a fare il versamento ma ...mi ha cacciato fuori!! Pazienza, mi consolo leggendo ogni giorno qualcuno dei tuoi post. Sei veramente un grande esempio :) anche io nel mio piccolissimo cerco di autoprodurre, di consumare meno, insomma di "impattare" il meno possibile. Ho visto che c'è un video su youtube su come produrre l'aceto di mele, ma volevo chiederti ... hai mai provato a fare l'aceto con altri tipi di frutta? Perdonami la domanda ... magari sul video di youtube lo spieghi pure ma ahimè io non li riesco a vedere!!! Continuo a seguirti! Un caro saluto! cristina
Grazia Cacciola Febbraio 2, 2018 - 3:29 pm
Cara Cri, piacere di incontrarti su questo percorso! Per il progetto del libro, arrivi in tempo: stavo giusto per mandare una newsletter con l'avviso. Visto che stiamo aspettando l'accredito degli ultimi partecipanti, c'è la possibilità di inserirsi fino a domenica, dopo di che chiudiamo definitivamente. A consegna avvenuta, il libro arriverà anche in vendita per tutti ma non so ancora con quale formula e tra quanto tempo. Se vuoi partecipare, basta inviare un'email a stampa@erbaviola.com :) Aceto: sì, certo, più o meno tutta la frutta con molto succo e zuccherina può arrivare alla fermentazione acetica, vedi per esempio l'uva. Ma in genere si usano frutti a basso costo, come appunto uva e mele perché ce ne vogliono davvero tante per produrre l'aceto e con frutta più costosa/pregiata sarebbe uno spreco. Purtroppo l'intervista su youtube è breve, non poteva starci tutto ma mi riprometto un post dedicato alla fermentazione acetica, promesso! Un abbraccio.
cri Febbraio 2, 2018 - 4:17 pm
Manda subito la mail allora! Io l'aceto l'ho fatto con la melagrana ed i fichi (grazie agli alberi che avevo nell'orto). In piccolissime quantità a dire il vero, di solito lo utilizzo come tonico per il viso, perché a me la verdura piace di più senza condimenti! Basta!!! vado immediatamente ad inviare la mail!!! Grazie mille:) a presto!
cris Febbraio 8, 2018 - 3:27 pm
Complimenti per lo spirito con cui raccogli l'antico e lo fai rivivere. Oggi purtorppo il vintage è diventato un business, più malato della malattia che vorrebbe contrastare, oppure uguale, con commercianti che si spintonano nei mercatini fra il fango alle 6 di mattina, litigando coi rigattieri, in ricerca di pezzi da sistemare nei propri negozi, ed annoiati collezionisti alla ricerca - documentata su internet - del pezzo particolare da apporre... già, da apporre fra la Apple TV 32" e la caffettiera con led a cristalli liquidi - 12 mesi di rate nascoste ad amici e parenti con l'ostentazione del top manager - per bersi un espresso con vista sulla periferia di Roma. Conosco gente ossessionata dalla raccolta, spesso monotematica, di oggetti in quanto tali. Un vero e proprio feticismo (l'intera produzione di una certa ditta di giradischi, etc...) anzichè la ricerca dello spirito di un periodo, siano essi gli anni 70-80 (come nel mio caso) o altri periodi, con le loro contraddizioni, i loro sogni, i loro errori. Complimenti di nuovo, bravissimi tu ed il tuo compagno.
Grazia Cacciola Febbraio 20, 2018 - 12:21 am
Mi ha fatta ridere il tuo commento, grazie! :D E tra l'altro io sono stata una collezionista compulsiva tanti anni fa, ancora peggiore di quelli che citi. Sono partita dal design contemporaneo della mutazione di oggetti, che mi affascinava, al diventare una sciroccata che doveva avere tutto-tuttissimo di un paio di designer, uno dei quali è famoso perché niente di quello che fa funziona! Sarei stata il tuo incubo, vero? Pensa che però quella collezione strampalata è diventata il budget per la mia prima apertura da libera professionista :)
alice Febbraio 19, 2018 - 11:39 pm
Ciao Grazia,volevo chiederti se la data di Milano è ancora confermata per il 12 maggio, o se hai in previsione anche corsi diversi, anche singoli. ho già aderito al progetto di crowdfounding e dovresti avere il mio indirizzo email nel caso te lo rimando se occorre. ciao in bocca al lupo per la tua nuova casa
Grazia Cacciola Febbraio 20, 2018 - 12:17 am
Ciao Alice, la data di Milano è cambiata 20 giorni fa per la disponibilità della sede, è 5 maggio, già confermata, trovi tutti i dettagli qui: http://www.arborfelix.it/prodotto/corso-cambio-vita-mi-reinvento-5-maggio-2018-milano/
 Per i corsi singoli, c'è il counseling, tutte le informazioni qui: http://www.arborfelix.it/cambio-vita-mi-reinvento/counseling-personalizzato-cambio-vita-mi-reinvento/
 Se intendevi invece altri corsi, di altro genere, li trovi tutti qui: https://www.erbaviola.com/corsi-incontri
 Per qualsiasi informazione, mi trovi sempre via email. Un abbraccio grande e grazie per l'augurio, speriamo che la lupa ci porti al sicuro! ;)
Add Comment