Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/customer/www/erbaviola.com/public_html/wp-content/plugins/penci-soledad-amp/includes/utils/class-amp-html-utils.php on line 11
> I LIBRI DI CARTA, GLI EBOOK, I SITI E IL PIL DEL GRATUITO | Erbaviola

Related posts

Come gestire autoproduzione e lavoro

La Casota Vegan, la scelta d’amore di Titti e Seb

Perché ho scelto di vivere in una casa piccola

25 Commenti

Silvia P Novembre 6, 2010 - 2:39 pm
Io ringrazio per l'ebook gratuito sempre interessantissimo mentre l'altro lo devo acquistare a breve (mi pento anche di non averlo ancora fatto...), Silvia P.
Bibi Novembre 6, 2010 - 3:31 pm
"Non c’è bisogno di identificare un guru e spulciare tutto quello che fa per vedere dove sbaglia, c’è bisogno semmai di identificare sé stessi e vedere dove si può andare. A me piace pensare di cavarmela come persona comune motivata, resto convinta che anche accettando alcuni compromessi si possa raggiungere un migliore risultato. Non mi interessa che Latouche sia perfetto al 100%, trovo più interessante che cento persone siano convinte della decrescita per l’80%." ......non potevi esprimere meglio il mio pensiero. Sinceramente ne ho strapiene le scatole degli spulciatori, quelli che alla fine si limitano a rompere le scatole con piaggeria e domande pignole e poi non fanno un cacchio. Ma cercano in TE (in senso lato) che fai qualcosa, la minima cosa per poterti contestare. Se FAI devi essere perfetto, altrimenti puoi tranquillamente sbattertene e non fare nulla. Sembra che TU che fai qualcosa ti debba costantemente difendere. Dagli spulciatori. Brutta razza gli spulciatori. Mia nonna (la donna più saggia che abbia mai conosciuto anche se faceva la cassoela ogni 1° novembre) mi diceva sempre: "Puttost che nient, l'è meji puttost" . Tzè. Baci Erbetta, sei strepitosa :)) Bibi
Massimo Novembre 6, 2010 - 5:01 pm
Ti ringrazio molto per la risposta. La mia voleva essere ovviamente una provocazione, è molto ammirevole tutto ciò che fai ed è un ottimo proposito cercare di diffondere queste idee ma dobbiamo tenere presente che tutto ciò è ancora poco e nello stesso tempo è tutto ciò che possiamo fare. Ho letto molte cose interessanti sul tuo sito, ho anche conosciuto Serge Latousche poco tempo fa a Parma e ti assicuro che non aveva l'aureola :-) Un abbraccio
Alchemilla Novembre 6, 2010 - 5:37 pm
Che risposta! Che chiarezza! Che lucidità! Immagino tu non sia una santa...nemmeno un guru, per fortuna, ma una persona da ammirare sì. Grazie per questo sito. Io, il tuo libro, alla fine ho deciso di ordinarlo e comprarlo perché credo ne valga la pena. Nel frattempo però ho anche proposto l'acquisto alla mia biblioteca e ad altre della zona. Perché magari visto lì nello scaffale delle novità qualcuno proverà a leggerlo. Un abbraccio!
Vale Novembre 6, 2010 - 8:57 pm
Io è una settimana che rompo le palle ad Ale per farmelo prendere ^_^
liliana Novembre 7, 2010 - 11:04 am
Ho già ordinato 2 dei tuoi libri "Scappo dalla città e L'orto su balcone", penso che la cultura abbia sempre un costo.. qualunque esso sia. Ciao e continua così.
mammafelice Novembre 7, 2010 - 12:07 pm
Io il libro l'ho acquistato e già letto. Non potevo resistere. E sono tra quelli che pur leggendo molto in rete ama la carta stampata, possibilmente stampata su carta ecologica, ma ammetto che la amo. Leggere sul monitor mi fa diventare orba! Però questo libro pensavo, ora che è letto e goduto, di regalarlo alla biblioteca. Pensa sia giusto diffonderlo, che ne dite?
Bibi Novembre 7, 2010 - 12:24 pm
@Mammafelice penso che la tua proposta sia giusta :) ...io sto pensando di fare la stessa cosa con tutti i libri che affollano, inscatolati, la cantina....uno spreco inutile che può invece diventare utilità per altri :) B.
Elisa Novembre 7, 2010 - 8:54 pm
Sono assolutamente d'accordo con la teoria economica di Mako anche se dissento da essa sul periodo espresso. Per esperienza ritengo di poter confermare che la diffusione omogenea di Pil "dappertutto" sia da considerarsi per l'intero arco dell'anno solare, tranne periodi di "crescita esponenziale del Pil", in effetti come enunciato dal nostro economista, nei periodi di cambio stagione. Comunque, per tornar seri, sono convinta che anche il prodotto peggiore camuffato da prodotto "verde" (e questo secondo me vale anche per le abitudini, i servizi ecc...) contribuisce a cambiare la mentalità di cittadini, enti pubblici e aziende. Naturalmente una persona attenta che si informa sarà in grado di fare distinzioni. La decrescita non può a mio parere essere considerata solo in termini di Pil. Grazie Erbaviola per l'ebook.
Edera Novembre 8, 2010 - 2:05 am
Io me lo sto gustando piano piano, questo tuo ultimo libro. Lo trovo molto stimolante, e ho trovato il mio compagno tutto preso a stilare la lista delle cose da fare per cambiare, finalmente,lavoro. Quindi...direi che iltuo libro dà stimoli assai positivi :)
mara Novembre 8, 2010 - 9:50 am
mi inchino...sei stata PERFETTA! ti abbraccio
chiaragallo77 Novembre 8, 2010 - 10:50 am
Anche io me lo sto centellinando, poche pagine al giorno, anche per riuscire a capire e a far miei i concetti nel modo migliore.....anche se sicuramente molti, ancora, non sono applicabili nella mia vita di tutti i giorni! Quando sara'terminato credo finira'dove e'finito "orto sul balcone": per le mani di una cara amica, che, piano piano si sta "convertendo" ad un nuovo modo di veder la vita....e poi, chissa', come dice mammafelice, magari in biblioteca! :) Comunque complimenti Grazia!
mascia Novembre 8, 2010 - 1:06 pm
Ringrazio per l'ebook, ho copiato molto da qui e molto ho adattato alle mie esigenze. Grazie per gli spunti e la grinta. Il mio spirito critico non l'ho ancora smarrito e conto di usarlo sempre....evviva il Prodotto Intero Lordo concima.
equipaje Novembre 8, 2010 - 6:22 pm
... ma come, come! proprio ora che ho investito in Kindle..? ;) Scherzi a parte, Mademoiselle, eccomi buona ultima (ultimissima) con i miei più vivi complimenti :)* "Recensendo" Pallante su aNobii qualche tempo fa, ricordo di aver scritto: " [...] pare infatti poco probabile che un lettore affronti questo libro totalmente sprovvisto di senso critico e/o consapevolezza. E' casomai in cerca di tecniche e di modalità quel lettore [...] ". E' anche per questo motivo che io apprezzo grandemente questa uscita: non solo teorie, ma anche le fondamentali tecniche, il fare e saper fare. L'altro motivo, ovviamente, è che saluto sempre con grande giubilo tutto ciò che può aiutare a "fare rete". E anche per questo, una volta letto (diamo tempo al tempo e alla pila), mi sembra ottima l'idea che hanno espresso altre: farlo girare, portarlo in biblioteca. Che ci vuoi fare, ormai hai creato i tuoi mostri decrescitori..! Bisous :)
Andrea Ruwett Novembre 8, 2010 - 7:54 pm
penso che esistano moltissimi livelli su cui si possa agire per il cambiamento, per il livello di coscienza che come singoli abbiamo sviluppato magari esistono cose che ci sembrano inutili o dannose ma per persone che si sono approcciate da meno tempo a determinate tematiche queste cose possono essere il gradino fondamentale per salire la scala...e questo se la vediamo in maniera molto occidentale: il cambiamento come una tendenza positiva che dal passato progredisce nel futuro in linea retta...se invece assumiamo altre prospettive,chi lo sa, forse tutto fa parte di un cambiamento positivo nel complesso anche se i singoli che lo compongono adottano metodologie e compiono scelte addirittura antitetiche, tipo una prospettiva di complementarietà...vabbuò, sto un po' spaziando...scusate @bibi: grande la nonna! gli spulciatori sono veramente i peggiori, tipo quando fai i presidi contro le pellicce e ti rompono i gioielli che dovresti occuparti dei poveri bambini africani invece che dei visoni e delle volpi...poi interrogati non sanno manco il significato della parola riciclare e unesco credono sia un uomo politico dell'ex jugoslavia.
diana Novembre 9, 2010 - 11:00 am
Grande! anche e soprattutto il ragionamento sulla diffusione presso persone che ancora devono scoprire cosa si puo' fare. solo dai blog a volte mi sembra di essere in un mondo chiuso, autoreferenziale, fatto da individui simpaticissimi e coraggiosi, ma apparentemente chiusi in se stessi. ogni occasione e mezzo per "divulgare il verbo" (senza nessuna implicazione messianica) e' utile per tutti gli altri : solo per restare in Italia i circa 60 milioni meno qualche migliaio ti auguro questi livelli di diffusione, cosi' con i diritti di autore non solo ci copri i costi delle interviste ma anche qualche nuovo seme :) intanto io ho rotto le scatole a ben 3 commesse di Feltrinelli (eh, si) che non sapevano piu' dove avevano messo il tuo libro; avevo fretta e me ne sono andata senza, quindi riprovero' in un'altra libreria, alla faccia loro baci (anche al gatto) diana
kia Novembre 9, 2010 - 7:16 pm
ciao^-^…ti ho invitata alla staffetta dell'amicizia!1bacione
MissVanilla Novembre 10, 2010 - 10:36 am
Vuoi ridere??? Come sai anche io sono spesso vittima di commenti simili......ecco l'ultimo (PS ti ho anche citata, questo post è capitato a pennello :-D):
Dea Novembre 10, 2010 - 12:03 pm
Ciao Erbaviola, fai tanto per educare e divulgere informazioni utili. Ma secondo me la cosa più importante è che hai il DIRITTO di farlo. Siamo diverese io e te, io non avrei dedicato 1 minuto a questa persona che a differenza di te non CREA niente, e che oltre a le sue critiche non contribuisce in maniera positiva alla conversazione, dialogo e condivisione splendida che c'è online. E' libero anche lui di fare le sue critiche e commenti pignoli e strani... ma non è positivo. Sono molto più menefregista di te, non avrei dedicato un attimo a questa persona anche perchè io tendo a credere che forse non è utile scendere nel conflitto, cascarci...reagire. Non critico ciò che hai fatto...ma ritengo che il mondo è bello perchè è vario. Io non leggo bene l'Italiano, mi stanco perche devo tradurre..ma visito il tuo blog regolarmente e mi fà tanto piacere sapere che ci sono persone consapevoli, aggiornate e buone come te qui. TVB xoxo Dea
fam.cuore Novembre 10, 2010 - 12:13 pm
sto leggendo il libro sono al 3 capitolo , xo' ho saltato il 2 che leggero' dopo sai che e' entusiasmante , voglio prendere quello dei germogli , e poi quello dell'orto xo' io leggo anche il tuo blog , e bello leggere commenti , articoli di storia vera diversa dal branco , poi ho stima di te e lo sai. un bacio enorme
laura Novembre 10, 2010 - 1:21 pm
Mako è davvero intellettuale quando vuole...che foto!!!
Manu Novembre 16, 2010 - 5:42 pm
Ciao Erbaviola, Una domanda tecnica: mi piacerebbe leggere il tuo libro ma abito in Svizzera francese. Sai consigliarmi su come/dove ordinarlo senza farmi spennare dalle spese di spedizione? Oppure esiste una versione e-book? Complimentoni per il sito e grazie in anticipo per la risposta! Manuela
Alchemilla Novembre 16, 2010 - 10:00 pm
Uffa! A me non è ancora arrivato, l'ho ordinato insieme ad altri che sono "in fase di reperimento" da un mese!!! Posso farti una domanda: secondo te posso coltivare delle insalate DENTRO casa durante l'inverno? Ho un bel piano della cucina davanti ad una finestra con tantissima luce e abbastanza sole, volevo fare questo esperimento. Ce la farò?
annamaria Novembre 18, 2010 - 1:32 pm
Ciao....Quest'anno ho organizzato lo swap natalizio....spero vorrai partecipare anche tu:-) ti aspetto nel mio blog dove è tutto spiegato come avverrà:-) un bacio Annamaria
Erbaviola Novembre 23, 2010 - 11:13 pm
@Silvia P: poi mi dici se ti piace? :) abbraccio! @Biiiibiiiiii! Ciao :D Lo diceva anche la mia nonna! Però ho conosciuto una suora missionaria che diceva "Non è che perché non posso essere una suora perfetta al 100% allora vado a fare la puttana" e mi ha sempre fatto ridere :D Sì, la gente cerca guru perfetti, motivo per il quale parecchi si fanno poi infinocchiare da pseudo-religioni e guru di turno. @Elisa: grazie anche a te!! ;) di ebook se ne scrivono tanti online, mica c'è solo il mio :) @Edera: mi dirai se il work plan ha avuto riscontro positivo! A parte che con te in casa non c'è molto bisogno di quel libro ;) @chiara, mara: un abbraccio! e in biblioteca, certo!!! E anche nei book cross! @mascia: LOL il pil che concima è lollissimo! :) @equipaje: sarei orgogliosissima di aver contribuito alla nascita di mostri della decrescita. Biblioteche uber alles! Lei, madame, mi fa arrossire ma temo che Pallante sia per me irraggiungibile. Ho questa frenesia della praticità che mi frena la teoria, sigh! @Andrea: spazia pure che a me il discorso interessa e qui di spazio abbondiamo :) Dicevi, quindi? Diverse prospettive o diverse varianti? Io sono per la seconda. @Diana: grazie grazie grazie per la lezione pro arbusti e fake alla Peyron! Per la catalogazione Feltrinelli invece, a Bologna l'ho visto nella sezione Management. No comment. @Kia: visto ora, grazie, cerco di farlo quanto prima!!! @MissVanilla: eh ma tu le cerchi, le chiami proprio! :D come sarebbe che non diffondi le ricette?! Ma scusa, io ero rimasta che venivi anche a farle a domicilio portando gli ingredienti! Sei proprio egoista, sai? @Dea: Un abbraccio gigantesco perché so lo sforzo che ti è costato leggere i miei sproloqui e scrivere il messaggio!!! Sei a-d-o-r-a-b-i-l-e! Al messaggio di Massimo ho voluto rispondere perché è molto educato e alla fine ha espresso solo la sua idea. Me ne sono arrivati altri che non erano educati per nulla, anzi, quindi ho preso il suo per dare una risposta a tutti. Per ora ignoro gli ineducati :) @fam.cuore: ciao lauretta bellaaa! ci sentiamo ;) @Alchemilla: ah caspita.. e dove lo stanno reperendo? se non hai animali che te la mangiano e un davanzale interno abbastanza ampio per i vasi, puoi coltivare di sicuro l'insalata in casa :) Il problema è che in Italia molto spesso sotto le finestre ci sono i caloriferi... comunque il trucco è sempre il solito: provare! E condividere foto e risultati, ovviamente ! :D @Annamaria: ciao, parteciperei volentieri in un altro momento ma quest'anno sono in giro continuamente per lavoro, quindi rischio di non riuscire a star dietro a nulla! Ti ringrazio comunque per l'invito, sei stata carinissima! Un abbraccio!
Add Comment